News

| Reading at Tiffany's resta APERTO per ferie...continueremo a farvi compagnia per tutto il periodo estivo con nuove Recensioni, Anteprime ed Interviste |Nuove anteprime ogni settimana | Aggiornata pagina "In uscita" |

mercoledì 30 luglio 2014

Recensione: Monuments Men

Monuments Men
Eroi alleati, ladri nazisti e la più grande caccia al tesoro della storia
di Robert M. Edsel & Bret Witter

Prezzo Hardcover: € 16,90
Prezzo E-Book: Non Disponibile
Editore: Sperling&Kupfer
Titolo originale: Monuments Men
Pagine: 464
Genere: Romanzo Storico


Li chiamavano "Monuments Men". Erano soldati, tanto coraggiosi quanto improbabili. Un esiguo plotone di topi di biblioteca, colti e appassionati, arruolati nell'esercito alleato durante il secondo conflitto mondiale e spediti nell'Europa in fiamme con una missione precisa: salvare i capolavori dell'arte. Mentre Hitler invadeva un Paese dopo l'altro, infatti, le sue armate si impadronivano di sculture e dipinti secondo un piano sistematico per concentrare le opere più importanti nelle mani dei tedeschi. Fu così che intellettuali, artisti, direttori e conservatori di musei - su mandato di Roosevelt - si trovarono a lottare per impedire il più grande furto artistico della Storia. Il loro compito era inizialmente quello di limitare i danni dovuti ai combattimenti, ma in seguito la missione si concentrò sulla localizzazione dei beni trafugati. Pochi, isolati, e senza disponibilità di uomini e mezzi, ingaggiarono la loro speciale battaglia contro il Führer. In una gara contro il tempo, irta di ostacoli, raccontata con il ritmo di un thriller, ciascuno di loro dovette ricorrere a ogni possibile stratagemma per salvare chiese e monumenti dalla distruzione, riportare alla luce collezioni inestimabili sepolte nelle viscere della terra, seguire per tutto il continente le tracce di opere uniche al mondo. Aiutati da collaboratori altrettanto oscuri e determinati - come Rose Valland, impiegata francese che corse enormi pericoli; parroci, archivisti e semplici cultori...








Durante la Seconda Guerra Mondiali tutte le menti più geniali erano concentrate a creaare piani di battaglia efficaci per  contrastare gli attacchi dei nemici: l'arte, la cultura e il patrimonio dell'intera umanità erano passati in ultimo piano. Per fortuna alcuni uomini coraggiosi da sempre votati alla
preservazione del bagaglio culturare decise di scendere in campo per salvare i beni del mondo dalle razzie tedesche. I cosiddetti Monuments Men si ritrovarono al fronte, fianco a fianco con i combattenti alleati: il loro compito era salvare le chiese, i quadri dalla distruzione e dall'accaparramento tedesco. All'inizio incontrarono non poche difficoltà: il conflitto mondiale era alle ultime fasi, i tedeschi perdevano terreno e tutte le forze alleate dovevano concentrarsi per non dar tregua al nemico, non c'era spazio per pensare ad una chiesa o ad una statua da salvare. Per questi uomini però non solo era importante salvare delle vite umane e porre fine al conflitto, ma era assolutamente indispensabile preservare il passato dell'umanità: salvare un quadro di Leonardo o una scultura di Michelangelo non significava solo non aver permesso ai tedeschi di rubare una proprietà, ma significava soprattutto aver preservato quel bagaglio culturale che è alla base della formazione dell'uomo moderno e che accomuna tutti i popoli. Chi siamo noi, se non possiamo più far affidamento al nostro passato? Come possiamo considerarci completi se abbiamo perso le basi su cui tutto il nostro cammino si è fondato? Questa è stata la missione dei Monuments Men. Il film che è stato tratto da questo romanzo è stato una rivisitazione dei personaggi che troverete tra queste pagine: non c'è spazio per le battute tra Clooney e Damon, nel libro troverete fatti e persone reali che hanno salvato il nostro passato. Immergetevi anima e cuore in questo romanzo che attraverso una ricerca storica dettagliata porta alla luce grandi uomini e donne che hanno rischiato tutto per le generazioni future. Davvero consigliato.


Durata totale della lettura: tre giorni
Bevanda consigliata: Tè al bergamotto
Formato consigliato: cartaceo
Età di lettura consigliata: dai 16 anni




“Un pezzo della nostra storia che va letto ed amato.”



martedì 29 luglio 2014

Recensione: Cinque

Cinque
di Ursula Poznanski

Prezzo Hardcover: € 16,40
Prezzo E-Book: € 4,99
Editore: Corbaccio
Titolo originale: Fünf
Pagine: 406
Genere: Thriller


Una donna giace morta su un prato nei dintorni di Salisburgo. Precipitata da un dirupo, le mani legate, vestita ma senza scarpe. Sulle piante dei piedi ci sono dei numeri tatuati. Sono coordinate geografiche, che rimandano a un luogo dove è nascosto un macabro reperto: una scatola contenente una mano mozzata, avvolta nella pellicola trasparente, e un foglietto con nuove coordinate e un indovinello la cui soluzione porta all'identificazione di una persona. Ma quando finalmente i due investigatori della polizia salisburghese, Beatrice Kasparay e Florin Wenninger, riescono a identificare la persona misteriosa, questa scompare... E la catena di omicidi non sembra destinata a interrompersi. In una perversa caccia al tesoro tramite GPS, un feroce assassino sta portando i due poliziotti salisburghesi da un indizio a un altro. Gli omicidi si susseguono senza nessun apparente legame tra loro, e i due poliziotti cercano disperatamente di scoprire le carte dell'assassino prima che attraverso i suoi indovinelli completi il suo terribile puzzle di morte...







Il corpo senza vita di una donna viene ritrovato in un campo:
sui piedi ci sono delle coordinate tatuate che, come in una caccia al tesoro,
conducono Bea e Florin ad un altro indizio. Armati di GPS scopriranno
il mondo del geocatching e dietro di esso una lunga scia di omicidi efferati.
Ursula Poznanski mescola un buon thriller con il mondo della moderna caccia al tesoro: armati di GPS, al posto delle vecchie mappe, gli utenti iscritti ad un sito apposito vanno alla ricerca di scatole o di contenitori che rappresentano appunto il tanto agoniato tesoro. In questo specifico caso quello che i due protagonisti troveranno non si può proprio definire un tesoro: ma solo indizi sanguinolenti che li  porteranno a giocare proprio come vuole il killer. Le caratterizzazioni dei personaggi
sono davvero ottime: Bea è una donna che ha appena affrontato un divorzio e nel suo passato si annida un segreto oscuro che le provoca attacchi di panico paralizzanti, madre di due bambini si ritroverà coinvolta anche dal punto emotivo in quanto unico punto di riferimento per il killer. La trama scorre veloce e l'intreccio narrativo è carico di suspance e di eventi al cardiopalma, alcune volte però ho avuto l'impressione che questo romanzo fosse il secondo di una serie: l'autrice lascia in sospeso o da per scontato alcune cose lasciando intendere una precedente spiegazione. Ho letto molti thriller e devo ammettere che questo è uno dei migliori che abbia letto ultimamente: la scelta del geo catching è assolutamente geniale, il lettore seguirà le indagini sotto una nuova forma e sarà tutto più interessante. Un buon romanzo davvero intrigante, spero di poter leggere altro di questa bravissima autrice


Durata totale della lettura: due giorni
Bevanda consigliata: Tè al karkadè
Formato consigliato: cartaceo
Età di lettura consigliata: dai 17 anni




“Alcune coordinate porteranno gli investigatori ad una caccia al tesoro davvero macabra..”



lunedì 28 luglio 2014

Recensioni: Tramonti sul lago & Narciso o Crisantemo?

Tramonti sul lago
di Irene Vanni

Prezzo E-Book: € 1,99
Editore: Delos Books
Pagine: 68
Genere: Racconto Erotico


Disincantata per il recente fallimento del suo matrimonio e per l'età che avanza, Paola inizia a fantasticare su un bellissimo giovane che incrocia ogni giorno al parco del paese in cui si è trasferita da poco. Nella sua immaginazione, tutto si ferma al mistero e al distacco, al cliché dello sconosciuto, al conforto che un desiderio non può deludere se non si avvera: all'accontentarsi. Ma l'intraprendenza del ragazzo, una danza al lago e un incontro nella bruma della sera la costringono a rimettersi in discussione: i sogni sono davvero così consolatori? Il rischio non intriga più della certezza? Attraverso la foschia, gli alberi del parco appaiono come confusi grovigli di rami, tanto che persino lo sguardo ci resta impigliato...


Tramonti sul lago è una storia semplice e leggera che gioca sull'immaginario erotico femminile scritta con uno splendido linguaggio visivo, a tratti quasi poetico. La Vanni è bravissima a raccontare con stile le storie di donne comuni e le loro fantasie anche le più nascoste, non ci sono quindi situazioni estreme o troppo irreali ma una storia che potrebbe essere vera, basata più sulle fantasie femminili che sui fatti. Una novella scritta molto bene come solo un'autrice di talento sa fare, perché come ho detto più di una volta i racconti sono a mio avviso più difficili da scrivere dei romanzi; si deve trasmettere molto al lettore in poche righe e questa scrittrice ci riesce magnificamente. La storia è descritta con tratti dolci e romantici, più che un erotico è un libro sulla passione e su come la vivono le donne, con una scrittura intensa che accompagna fluida il lettore da una scena all'altra. I contorni tra amore ed eros diventano sfumati quasi come succede al tramonto anche se le scene appaiono descritte vivide e reali. Emozioni e pensieri in cui tutte le donne si possono identificare vengono raccontate molto bene fino alla vera e propria rinascita della protagonista. Altro fattore che apprezzo nella scrittura di questa autrice è che i personaggi sono reali e realistici, non ci sono stereotipi di genere o età improbabili. Questo racconto delicato saprà senza dubbio catturarvi fin dalle prime righe, perché Irene Vanni riuscirà a conquistarvi con il suo talento!



“Uno splendido racconto che dipinge molte emozioni!”


Narciso o Crisantemo?
di Irene Vanni

Prezzo E-Book: € 1,99
Editore: Delos Books
Pagine: 79
Genere: Racconto Erotico


L'unica amica ancora single di Jasmine sta per sposarsi e ha lasciato la lista di nozze in un bizzarro negozio di magia tenuto da due strambi fratelli: il fatuo Narciso e il lugubre Crisantemo, un Bianconiglio alle prese con le carte nel paese delle meraviglie e un triste Pinocchio con i piedi carbonizzati dalla brace del caldano. Nel primo, la potenza virile del dio Priapo persiste da mattina a sera, da sera a mattina. Il secondo... non può. Jasmine trova strano che due tipi così surreali le suscitino certi pensieri, sarà per il risveglio dei sensi primaverile, ma la fantasia corre da sé ed è davvero difficile immaginare di sceglierne uno solo fra due. Meglio tutti insieme, se proprio non si possono mischiare come un mazzo di tarocchi. Ma a lei non preme come a Herman Hesse che gli opposti dell'universo, il sole e la luna, la terra e il mare, imparino a conoscersi, sono cose più grandi di lei, lei vuole solo che Narciso e Crisantemo diventino un unico fiore.


Questo racconto “erotico”della Vanni è tutt'altro che prevedibile e riesce a dare una nuova vita ad un genere ormai abusato, questa autrice è la riprova di come la bravura riesca a rendere originale anche un filone letterario di cui ormai si è letto e pubblicato di tutto. Non aspettatevi niente di classico, nessun clichè e nessuna prevedibilità in questa novella molto particolare, decisamente curiosa e per niente scontata. Le scene esplicite sono poche e sono più legate ad un concetto di fantasie femminili e passione, l'autrice riesce magnificamente a raccontare l'immaginario di una ragazza alla ricerca dell'amore in quella fusione tra sogni e realtà che solo le donne riescono a capire. I personaggi di questo racconto sono particolari, raccontati sempre con linguaggio poetico e con stile, splendido l'uso che l'autrice fa di metafore e simbologie, atmosfere passionali che danno un tocco in più anche ad una lettura leggera e che la rendono più ricca. Una storia magica, originale e fuori dagli schemi precostituiti con un erotismo soft mai volgare raccontato con classe, tanto che le scene erotiche sono quasi oniriche nella loro leggerezza. Nei racconti della Vanni si può sempre trovare una riflessione o qualcosa su cui riflettere, dei significati più profondi rispetto alla semplice storia già di per sé piacevole. Un viaggio nella psiche femminile molto più profondo di quello che può sembrare all'apparenza, un'originale lettura che riuscirà a stupirvi e appassionarvi, erotica ma allo stesso tempo fantasiosa quanto una favola.

Durata totale della lettura: Qualche ora
Bevanda consigliata: Caffè lungo

Formato consigliato: E-Book
Età di lettura consigliata: dai 18 anni
Sito dell'autrice: Irene Vanni

“Una bottega "magica" può avverare i desideri!”


Questi due racconti fanno parte di una serie sulle Quattro stagioni, ogni storia è autoconclusiva ma l'autrice ha inserito suggestioni di vario tipo (visive, metaforiche, etc.) legate a una stagione dell'anno.
Il quarto racconto, l'autunno dovrebbe uscire ad ottobre e al suo interno chi ha letto i racconti precedenti troverà dei riferimenti e spiegazioni a personaggi già conosciuti, una storia sempre conclusiva e che si potrà leggere indipendentemente dalle altre ma che con un espediente narrativo vi farà capire quale sia uno dei fili conduttori di questa serie di racconti.

Tramonti sul lago (inverno) 
Vicini e lontani (estate) - QUI trovate la recensione - 
Narciso e Crisantemo (primavera)
+ Quarto racconto previsto per l'autunno

Recensione: Ti Scriverò Dai Confini Del Cielo

Ti Scriverò Dai Confini Del Cielo
di Tanis Rideout

Prezzo Hardcover: € 18,50
Prezzo E-Book: € 4,99
Editore: Piemme
Titolo originale: Above All Things
Pagine: 417
Genere: Narrativa Moderna, Romanzo Storico


8 giugno 1924. Sull'Himalaya, due uomini tentano la scalata della vetta più alta del mondo, l'ultima ancora da conquistare. A Cambridge, una donna comincia una giornata uguale a tante altre: il mercato, la cura dei figli e della casa, le visite degli amici, l'attesa febbrile di una lettera del marito, di cui non ha notizie da troppo tempo. Quando è partito, George Mallory ha promesso alla moglie Ruth che non avrebbe mai smesso di scriverle. Le ha promesso che, arrivato in cima all'Everest, vi avrebbe posato una sua foto. Le ha promesso che quello sarebbe stato l'ultimo tentativo, l'ultima volta che abbandonava la famiglia. Per mesi, Ruth si è aggrappata a quelle parole che su fogli leggeri hanno attraversato oceani e continenti. Le ha cullate come uno scampolo di intimità, le ha custodite come un segreto, una parte di George soltanto sua. Quell'8 giugno, Ruth non sa ancora che il destino si è già compiuto, e che al termine di quelle ventiquattro ore - qui raccontate in parallelo alla lunga odissea dell'alpinista in alta quota - ne riceverà infine notizia. Il nome di George Mallory sta per passare fatalmente alla storia, ma sarà lei a portare nel cuore la storia che appartiene solo a loro due.





L'Everest con i suoi 8848 metri rappresenta da sempre il sogno degli scalatori: la sua cima innevata sembra toccare il cielo, un gigante implacabile sulla cui schiena hanno perso la vita in tanti. George Mallory vuole conquistare quella cima: il suo sogno è arrivare là a sfiorare il cielo con un dito, vuole domare quel gigante, piegarlo al suo volere. Ma la montagna si sa è implacabile e nel 1924 Mallory e il suo compagno di cordata Andrew Irvine verranno inghiottiti da una tempesta a poco più di 240 metri dalla vetta e di loro si perderanno le tracce. Non è solo la storia  di una scalata questa ma di un amore quello tra Mallory e sua moglie Ruth, una donna innamorata che vede partire il suo amato e sente nel profondo che quella sarà l'ultima volta che lo vedrà. Le ricerche dell'autrice si basano sulla corrispondenza tra marito e moglie: e così l'avventura si contrappone alla vita domestica e familiare creando un intreccio impossibile da dimenticare. I due personaggi principali si completano in maniera perfetta: tanto più lui è testardo e duro come la roccia quanto più Ruth riesce ad essere buona e fulcro della famiglia. Non si tratta solo della storia della scalata di Irvine ma dei sentimenti che uniscono due persone nel profondo: dietro un grande uomo c'è sempre una grande donna ed in questa storia ne troverete la conferma. I sentimenti che l'autrice descrive escono dalle pagine ed investono il lettore rendendolo parte integrante della storia, riuscendo così non solo a coinvolgerlo mentalmente ma anche nell'anima. Il romanzo si legge tutto d'un fiato e la storia coinvolge il lettore sin dalle primissime battute: di sicuro vi ritroverete a cercare notizie sul web come ho fatto io per capire chi era quest'uomo e per scoprire di più sul suo grande amore.


Durata totale della lettura: due giorni
Bevanda consigliata: Tè al melone
Formato consigliato: cartaceo
Età di lettura consigliata: dai 17 anni




“Un'impresa impossibile..un amore che supera i confini del tempo e dello spazio”



domenica 27 luglio 2014

Recensione: La' dove fioriscono le magnolie

Là dove fioriscono le magnolie
di Maranich Darcie

Editore: Garzanti Libri
Prezzo: € 14,90
Pagine: 266


In un giorno di maggio, mentre il profumo delle magnolie avvolge l'aria, Rebecca impara che la realtà non è mai una sola. A quattordici anni dovrebbe preoccuparsi dei compiti e degli amici, ma la vita ha in serbo altri piani per lei. Ora che sua madre non c'è più, un'altra persona vuole prendersi cura di lei: suo padre. Proprio quell'uomo che, secondo quello che le hanno sempre raccontato, aveva abbandonato la famiglia quando Rebecca era piccolissima. Eppure adesso lui le rivela una verità diversa, inimmaginabile: Rebecca non è figlia unica come credeva, ma ha un fratello, Ben. Un bambino Down dai dolcissimi occhi a mandorla. Affrontare tutto questo non è facile. Ricominciare da zero, in una nuova città e con una famiglia di cui non sapeva l'esistenza. Rebecca non ha più punti di riferimento, si sente sola, smarrita, straniera. Ma a starle accanto c'è Ben. Perché qualunque cosa succeda, lui c'è. Con la sua spontaneità, le sue risate improvvise, il suo affetto incondizionato che non chiede nulla in cambio. All'inizio Rebecca non riesce a sentirsi a suo agio con il fratello. Eppure, giorno dopo giorno, capisce che bisogna andare oltre le apparenze e i pregiudizi. E impara che a volte un abbraccio tanto stretto da togliere il fiato può sciogliere ogni paura, che un sorriso sincero può far guardare il mondo con occhi diversi e una carezza può far riscoprire il valore delle piccole cose. Perché la vita è fatta di tante sfumature. E ci sono mille modi per essere speciali.



Se a questo libro mi chiedessero di accumunare un aggettivo sceglierei delicato. Delicato perche' tratta di un argomento non facile da spiegare, perche' racconta una condizione che nella vita reale non e' davvero compresa da tutti, delicato perche' per parlare della sindrome di Down ci vuole dolcezza, pazienza e comprensione. Rebecca ha vissuto con la madre fino alla sua morte, momento in cui dovra' andare a vivere con il padre e cercare piano piano di riprendersi dal dolore della sua perdita. Insieme al padre, pero', scopre con sorpresa che vive anche suo fratello. Un fratello di cui non conosceva l'esistenza poiche' abbandonato alla nascita e un fratello che scopre essere affetto dalla sindrome di Down. Rebecca imparera' a convivere con cio' che e' rimasto della sua famiglia ed imparera' ad amare e ad apprezzare la sua nuova vita arricchita da due persone davvero speciali. Durante la sua esperienza, Rebecca trovera' i diari di sua madre, diari nei quali conoscera' il passato, conoscera' i sentimenti di sua madre e il perche' abbia scelto di abbandonare un figlio a causa della sua diversita'. Non ho mai letto libri che trattavano un argomento come la sindrome di Down, ma devo dire che questo mi ha colpito per l'abilita' dell'autrice di spiegare con chiarezza e con tatto un argomento cosi' delicato e a mio parere non tanto conosciuto. L'autrice nella realta' ha una figlia affetta dalla sindrome di Down ed e' forse per questo che con le parole giuste riesce a rendere chiara e semplice una condizione non sempre facile.

Durata totale della lettura: Tre giorni
Bevanda consigliata: Infuso alla vaniglia con un goccio di miele
Formato consigliato: Cartaceo
Età di lettura consigliata: dai 17 anni

“Un fratello ritrovato. Una scelta difficile. Due destini che si incrociano.”

Recensione: Mi sono scordata di fidanzarmi con te

Mi sono scordata di fidanzarmi con te
di Laura Tait e Jimmy Rice

Prezzo Hardcover: € 14,00
Prezzo E-Book: € 6,99
Editore: DeAgostini
Titolo originale: The best thing that never happened to me
Pagine: 320
Genere: Romance


Lui: bello, serio, preciso, ordinato e affascinante quanto basta. Lei: tutta curve e battute sferzanti, con spruzzata di lentiggini. Vivono in una piccola città della campagna inglese, si conoscono da sempre, sono amici del cuore e sono fatti l'uno per l'altra, ma non lo sanno, o meglio, non hanno mai avuto il coraggio di confessarselo. Tra varie occasioni mancate, gli anni passano, Holly e Alex prendono strade diverse, ma la vita ha in serbo una sorpresa. Undici anni dopo, sulla soglia dei trent'anni, si rincontrano a Londra. Ed è l'appuntamento con il destino. Una commedia romantica per tutte le sognatrici che non hanno mai smesso di credere al cuore.


La sinossi e soprattutto il titolo italiano scelto non rendono assolutamente giustizia a questo romanzo che strizzando l'occhio alle classiche commedie romantiche in stile Hollywwod ci accompagna attraverso la vita dei due protagonisti. La storia è una commedia d'amore dolce e rassicurante anche se non c'è quella parte frizzante e dinamica che ci si aspetterebbe. Tutto il racconto si basa sulla narrazione del rapporto di amicizia e amore tra Holly e Alex, manca però in certi punti di originalità e di brio che ne avrebbero fatto una lettura splendida ma si rivela comunque una storia carina e leggera per rilassarsi. La storia è molto piacevole, anche se non innovativa riesce a conquistare per la delicatezza e la dolcezza nel raccontarla, ci si riesce ad immedesimare nelle situazioni anche attraverso i punti di vista alternati che ci fanno seguire i pensieri di entrambi i protagonisti. Il romanzo è scritto a quattro amni da due amici autori che si conoscono da sempre, come i personaggi del libro, ma personalmente trovo manchi quella chimica e quel pizzico di ironia che avrebbe reso più ricco il romanzo. Di capitolo in capitolo lui e lei si passano la parola per raccontare al lettore coincidenze ed opportunità mancate, paure ed occasioni sfuggite fino ad arrivare alla conclusione e alla seconda possibilità per entrambi di essere felici. Il finale dove ovviamente l'amore trionfa per quanto conclusivo resta un po' aperto, forse perché dopo tanta attesa il lettore si aspetta molto e non tutte le aspettative vengono raggiunte!

Durata totale della lettura: Tre giorni
Bevanda consigliata: Caffè decaffeinato

Formato consigliato: E-Book
Età di lettura consigliata: dai 16 anni

“Una simpatica lettura ed una brillante commedia romantica!”


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...